Comune di Ripatransone


Il Territorio di Ripatransone


Aspetti geomorfologici


Il territorio comunale di Ripatransone copre un’estensione di 74,17 Kmq.
Nell’area affiorano terreni geologicamente giovani depostiti dal Pleistocene inferiore all’Olocene in ambienti sedimentari che passano dal marino prevalente, alla transizione tipo spiaggia ed infine al continentale schietto.

Sulla base delle prescrizioni dettate dal P.P.A.R. riguardo le emergenze geologiche e geomorfologiche, si può affermare che nel territorio del Comune di Ripatransone sono presenti tre tipi principali di emergenze geomorfologiche da salvaguardare. Esse sono:

 L’emergenza geomorfologia degna di nota è rappresentata dai calanchi. Il calanco si presenta con una forma caratteristica di burronamento formato da numerose creste argillose che, dal fondo del burrone principale, allargandosi a ventaglio salgono al margine superiore del fronte del calanco stesso.
Quest’emergenza affiora in numerose zone in tutto il territorio comunale, essi qualificano fortemente l’area e costituiscono un esempio integrante del paesaggio collinare ed agrario tipico della Regione Marche.


Aspetti idrogelogici


Il territorio comunale di Ripatransone è interessato superficialmente da due torrenti il Tesino ed il Menocchia che scorrono entrambi in direzione ovest-est e da altre due direzioni di scorrimento nord-sud e sud-nord di minore importanza legate alla presenza dei fossi affluenti del Tesino e della Menocchia.


Emergenze faunistiche


Vertebrati:

Invertebrati:

L’emergenza faunista maggiormente significativa per l’area è il Gruccione (Merops Apiaster).


Emergenze vegetazionali


L’intera area territoriale è coperta da diversi tipologie di bosco misto con dominanza di Leccio (Quercus ilex L.), di Roverella (Quercus pubescens Willd), latifoglie, latifoglie con dominanza di Carpino Nero (Ostrya carpinifolia), o di Pinaceae, che manifestano nel complesso un determinato carattere tipico della macchia mediterranea a crescita ridotta (PRG Comune Ripatransone).

 L’associazione bosco misto con dominanza di Leccio è presente nelle zone in prossimità del litorale. Il leccio è l’essenza predominante e spicca, in ogni periodo dell’anno, per il colore verde cupo del fogliame. In questa associazione sono presenti un’ampia varietà di ibridi naturali come la roverella, il carpino nero, l’orniello, il ciavardello, il sorbo domestico ed il ginepro comune. Fra gli arbusti e cespugli vegetano il mirto, il ligustro, l’agazzino, il caprifoglio selvatico, l’ampelodesma, la coronilla, la ginestra odorosa, l’asparago selvatico, il rovo, accompagnati da una vegetazione erbacea densa e varia.

L’associazione con dominanza di roverella è presente in modo diffuso sull’intero territorio comunale e in prossimità dei corsi d’acqua. La roverella spicca in primavera ed estate per il colore verde cupo del fogliame, mentre in inverno si presenta nuda. Oltre alle specie dell’associazione suddetta, in questa sono presenti l’acero, il prugnolo spinoso, la sanguinella e la vitalba. E’ inoltre diffusa la robina, pianta tipica del Nord-America ormai naturalizzata e pur riconoscendone un notevole valore funzionale è da ritenersi infestante.

 Un esempio di particolare pregio paesaggistico, ricadente nella tipologia di bosco misto di sole latifoglie con dominanza di Carpino Nero, è la cosiddetta Selva dei Frati perché in prossimità del Convento dei Cappuccini. Suggestivo bosco avviato ad alto fusto anche se eccessivamente denso.

Il bosco a dominanza di Pinaceae e latifoglie, è una tipologia probabilmente derivante da vecchi rimboschimenti artificiali, parzialmente attecchiti. Esso risulta costituito da più generi e specie per lo più autoctone.

Un'altro tipo di emergenza vegetazionale propria del territorio di Ripatransone è la fitocenosi del calanco, che si presenta molto variabile con stadi di colonizzazione differenti. Qui è possibile trovare come essenze arboree roverelle e olmi. Fra gli arbusti, a seconda dell’esposizione e della maggiore o minore umidità dei terreni, si incontrano la ginestra odorosa, la rosa selvatica, il rovo, il prugnolo spinoso e la tamerice.


Paesaggio agrario

 
Tra i contenuti paesaggistici ambientali, il territorio di Ripatransone si rende particolarmente riconoscibile per la presenza di un paesaggio agrario tipico con produzioni di qualità storicamente e culturalmente riconosciute come la viticoltura associata all’olivo. Per i suoi valori panoramici la strada di crinale che collega la frazione di S. Savino, Colle di Guardia e la Fattoria Merli, è inserita fra le strade del vino con il nome di Strada del Rosso Piceno Superiore, uno dei con il nome di Strada del Rosso Piceno Superiore, uno dei vini D.O.C. riconosciuti nel territorio, che corrisponde ad una ricchissima presenza di produzione vinicola. Tra i vitigni storici locali vanno citati il pecorino e passerina.